Neuropsichiatria Infantile

   

Progetto Interistituzionale “Il Ponte”

Il Progetto Interistituzionale “Il Ponte” è nato da un lavoro di rete, che ha portato alla stipula di una ATS (Associazione Temporanea di Scopo) fra la Provincia di Viterbo (Assessorato Formazione, Lavoro e Politiche Sociali), l’Azienda Unità Sanitaria Locale (U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile e UOSI Disabile Adulto) e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Viterbo.
La finalità del progetto è quella di favorire l’inclusione lavorativa delle persone disabili, attraverso l’attivazione di percorsi progressivi di integrazione e la formazione di personale che si occupi in modo specifico di tale problematica.
Tale finalità è apparsa raggiungibile con un programma triennale, articolato in più obiettivi e fasi di lavoro: una prima fase formativa di 32 ore con l’apporto di esperti esterni, provenienti dalle realtà di Genova ed Arezzo, cui hanno partecipato circa 50 operatori dei Servizi Socio-Sanitari e referenti scolastici a livello provinciale, è stata svolta nel mese di aprile 2010.
L’obiettivo di questa prima fase formativa è stato quello di fissare ed acquisire contenuti teorici comuni e favorire una conoscenza ed uno scambio delle esperienze già fatte nel campo in ogni realtà istituzionale di appartenenza.
Primo esito positivo di questa fase formativa, è stata la creazione di un gruppo di lavoro ristretto, rappresentativo dei tre Enti della Rete, che aveva un doppio mandato:

  • 1. organizzare la seconda fase formativa, destinata ad operatori di cooperative sociali, insegnanti di sostegno e curriculari e assistenti scolastici, interessati ad acquisire competenze specifiche per poter svolgere attività nel campo dell’integrazione lavorativa dei disabili
  • 2. elaborare un protocollo operativo di azioni congiunte e concordate per la gestione dei percorsi di integrazione, a partire dall’alternanza scuola-lavoro, per proseguire poi nella formazione pre-lavorativa ed arrivare all’obiettivo finale del reale inserimento lavorativo, attraverso il collocamento mirato dei disabili.

Per quanto riguarda il Corso di aggiornamento sulla “Mediazione per l’integrazione lavorativa delle persone disabili”, esso è stato svolto nel periodo novembre 2010 - maggio 2011 ed ha coinvolto circa 50, tra operatori di cooperative ed insegnanti curriculari, di sostegno ed assistenti scolastici.
E’ stato articolato in 40 ore teoriche, 20 di tirocinio pratico e 20 di supervisione.
Nell’ambito del corso di aggiornamento sono stati attivati a livello provinciale 18 progetti di alternanza scuola-lavoro, per altrettanti alunni delle scuole superiori della Provincia, che rientrano nel target del “Ponte” (disabilità mentale lieve e medio-lieve).
Per l’attivazione di questi progetti si è seguito il “protocollo operativo”, frutto del lavoro del Gruppo di Coordinamento, che ha fornito regole metodologiche e strumenti di lavoro omogenei per tutto il territorio provinciale e per tutte le realtà istituzionali interessate (servizi sociali, sanitari e scolastici).
Questo protocollo è stato adottato ufficialmente dai tre Enti della Rete “Il Ponte” (Provincia, AUSL e Scuola) e da oggi diventa strumento metodologico comune per l’integrazione lavorativa dei soggetti disabili, prevedendo una sperimentazione biennale ed una conseguente revisione periodica, per renderlo sempre più aderente alla realtà, tenendo conto dei mutamenti istituzionali, culturali e normativi che potranno verificarsi nel tempo.

Protocollo operativo “Il ponte”

 
Azienda Sanitaria Locale Viterbo - Via E. Fermi, 15 - Privacy Copyright Mappa Sito Stampa